Il gioco delle bocce - Sito della Parrocchia Sant'Andrea di Cordovado PN

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il gioco delle bocce

::ORATORIO:: > LAVORI

REGOLAMENTO SEMPLIFICATO DEL GIOCO DELLE BOCCE



PRINCIPIO DEL GIOCO
II principio del gioco consiste nell' avvicinare il più possibile le proprie bocce ad un obbiettivo chiamato pallino, L’avversario tenta, a sua volta, di avvicinare le proprie ancora più vicine aI pallino o di togliere quelle che glielo impediscono.

SVOLGIMENTO DEL GIOCO
All'inizio del gioco, la squadra che ha vinto il pallino, lo lancia e gioca la sua prima boccia. In seguito, la squadra che non tiene il punto, deve giocare finché non lo riprende o con la puntata o con il tiro. Quando una squadra non ha più bocce, l'avversaria gioca e tenta di realizzare altri punti, puntando, oppure tirando, se è il caso, alle bocce che glielo impediscono. Può anche tirare al pallino. In tal caso è obbligatorio annunciarlo.

CONTEGGIO DEI PUNTI
Quando le bocce sono tutte giocate, una squadra segna tanti punti quante sono le bocce che ha più vicino al pallino della migliore dell'avversario. Il gioco riprende nell'altro senso ed il pallino è lanciato dalla squadra che ha segnato.


  • Si gioca uno contro uno (individuale) con quattro bocce per giocatore;  

  • due contro due (coppie) con due o tre bocce per giocatore;

  • tre contro tre (terne) o quattro contro quattro (quadrette) con due bocce per giocatore;


  • Il numero dei punti deve essere stabilito in relazione al numero di iscritti e al numero di campi a disposizione. (A titolo informativo il regolamento ufficiale prevede un numero di punti compreso tra 9 e 15. Nei villaggi si fanno spesso tornei ai 6/7 punti).  

  • La squadra che vince la partita è quella che raggiunge per prima il punteggio previsto nel tempo massimo fissato, quando esso è determinato

  • La partita si svolge su uno spiazzo rettangolare su cui è necessario tracciare varie linee, in modo che esse siano sempre sufficientemente visibili.







  • II diritto di lanciare il pallino nella prima giocata è attribuito dalla sorte ad una delle due squadre. In seguito è la squadra che vince la giocata che lo lancia.

  • Se il primo lancio non è regolare, la squadra che lancia il pallino ha diritto ad un secondo lancio.

  • Dopo due prove infruttuose, l'avversario lo pone nel quadro, a suo piacimento.

  • Se è fermato o deviato da un avversario, è concesso un lancio supplementare.

  • Se invece è un compagno della sua squadra che fa l'errore, essa perde il diritto al secondo lancio.



 






Torna ai contenuti | Torna al menu